01 agosto 2006

Poesie /Un Amore

Aveva grandi occhi di nocciola,
labbra carnose a regalar sorrisi.
Il ciglio arcuato a incutere terrore
in uno sguardo ironico e crudele,
oppure steso a farti innamorare.

Mani grandi piene di musica e silenzi.
Mani grandi piene di vene ed ossa e muscoli,
unghie e dita.
Il pianoforte sempre aperto nero
di ebano e candido di avorio.

Lui era un grande ed era anche un bambino
ed era forte da avere anche paura.
La poesia a fargli da nutrice,
la musica a condurlo in cima al mondo,
una donna, mille amori, la sua vita.

Aveva grandi occhi di nocciola,
spalancati sul letto quella sera,
la testa alzata a chiedere perdono,
la mano in cerca delle mie carezze.
Era in attesa.

La morte è giunta lesta e se lo è preso.
Chiuso nell’ebano, ora il piano tace
un luttuoso silenzio, per me, che non ho pace.
Mi assorda ancora il rumore della sua voce muta
che in quel silenzio ora chiede solo luce.

Aveva grandi occhi di nocciola, adesso spenti.
Era un amore: il mio.

Era mio padre.

3 commenti:

massimoz ha detto...

Quando ho letto il titolo ho frugato nei recessi delle mie emozioni per ricordare perchè mi ha fatto accelerare il cuore. "Si parla d'amore", dirai tu, "e l'amore fa battere forte il cuore", aggiungerai, ma non è così, non è solo la parola amore, ma "Un amore".
Ecco! trovato! "Un amore" è il titolo del meraviglioso libro di DIno Buzzatti (Mondadori). Mi ha dato forti emozioni quella lettura...

L'angolo di Chimera ha detto...

... spero te ne abbia dati un poco anche la lettura di questa mia.
Confesso che ho scelto il titolo perchè l'amore per un padre è un amore speciale. Ma non ricordavo che Buzzati avesse scritto a sua volta un romanzo con un titolo del genere.. sob.. vabbè che dire?

massimoz ha detto...

Certo, mi ha emozionato parecchio anche la tua poesia, nel profondo.
Grazie...